testata29

testata29

testata23

testata23

testata32

testata32

testata31

testata31

testata28

testata28

testata26

testata26

testata21

testata21

testata25

testata25

testata20

testata20

Il bambino ha diritto di studiare – Giudice Andrea O. Comez

“Il bambino ha diritto di studiare” articolo 34 della Costituzione. Riflettendo su questa frase del giudice Andrea O. Comez esprimi le tue opinioni in merito.

 

“…Nella Costituzione c’è una parte dedicata ai bambini. Per esempio l’articolo 34: “Il bambino ha diritto di studiare”.

Può sembrare un dovere che un diritto ma senza il sapere non si potrebbe neanche scrivere.

Nell’antichità solo i ricchi potevano studiare ed allora era un lusso perchè se non si sanno le cose si può essere imbrogliati. Nel Medioevo chi era colto poteva prendere facilmente il potere, perchè il popolo non sapeva come reagire e veniva facilmente soggiogato. Infatti l’uomo ha sempre avuto paura dell’ignoto, ha sempre avuto paura di ciò che non conosce. L’uomo non avrebbe mai scoperto l’America se Cristoforo Colombo non avesse sfidato la paura del fatto che a quell’epoca la terra si pensava fosse piatta. Anche oggi più si è colti più, in teoria, si occupa un gradino alto nella società. In Sud America certi bambini già da giovani vanno a lavorare per una paga misera. Loro non reagiscono perché non hanno l’opportunità di studiare e quindi di protestare contro le ingiustizie che subiscono. Per questo la Stato deve provvedere a fornire scuole, insegnanti e personale vario e sue spese e per questo c’è l’obbligo di studio fino a 16 anni. Quindi bisogna ricordarsi che studiare è più un diritto che un dovere.”

 

 

“..Sappiamo benissimo, studiando la storia, che nell’antichità succedevano le stesse cose. Per me è ingiusto che molti bambini non abbiano la possibilità di studiare, perchè nessuno deve rimanere analfabeta.”

 

“.. purtroppo sono situazioni molto gravi che io non saprei come risolvere, ma spero che prima o poi i capi dei governi se ne interessino e riescano a portare delle soluzioni in modo che tutti i bambini abbiano gli stessi diritti.”

 

“..il giudice ci ha spiegato che un ragazzo può lasciare la scuola solo quando ha capito le norme della Costituzione italiana e come si interagisce correttamente con le altre persone che formano la società.”

 

“..comunque se non avessi questo diritto non sarei qui a scrivere questo testo.”

 

“..Bisogna anche dire però che è un dovere per il bambino impegnarsi, perchè la scuola è il suo lavoro: il bambino che va a scuola senza fare i compiti è come un lavoratore che non fa bene il proprio lavoro.”

 

“..poi ci sono altri diritti come questi: i bambini hanno diritto alla vita; ad esprimere la propria opinione; ad essere rispettati come tutti.”

 

“…A me piacerebbe che lo studente facesse più cose: laboratori, gemellaggi, condivisione di esperienze di musicisti e così via… Questo servirebbe allo studente per crescere e per provare studio e lavoro insieme..”

 

“ …Oggi i nostri genitori decidono e stabiliscono che cosa succede, ma in futuro il potere sarà nostro, per cui abbiamo bisogno di essere educati e di imparare a prendere decisioni e a essere autonomi ed indipendenti.”

 

“… Studiare, inoltre, è utile perchè conoscere il mondo rende la nostra vita più appassionante. L’arte e la cultura, ad esempio, ci fanno gustare meglio la vita. Ma soprattutto, conoscere, sapere, rendono liberi.”

 

 

“Questa lezione è stata importante per me e per i miei compagni. Penso che sia giusto che ogni bambino abbia il diritto di studiare.”

 

“… Non possiamo cambiare il passato, ma possiamo scegliere il nostro futuro; infatti, speriamo che un giorno anche i bambini dei paesi più poveri possano studiare e che tutti noi, più fortunati, potremo dare il giusto valore al nostro diritto.”

… tratti dai nostri temi..

Classe quinta

2013

IL GIUDICE_1024x768

Il primo marzo la classe quinta ha incontrato il dottor Andrea Odoardo Comez, giudice presso il Tribunale di Venezia sezione distaccata di Portogruaro, ha parlato della Costituzione l’ha paragonata alle fondamenta di una casa: sostiene l’Italia rendendola stabile e sicura.

La nostra CASA-ITALIA_576x768

LA NOSTRA CASA – ITALIA

Collegio Marconi Portogruaro - Istituto Vescovile > Primaria > Il bambino ha diritto di studiare – Giudice Andrea O. Comez
Appuntamenti
  • 7 ottobre 2018Festa del Marconi
AEC v1.0.4
Eventi
Insieme si può…

 

  Sostieni il Marconi  

Ragazzi del Marconi