testata25

testata25

testata23

testata23

testata32

testata32

testata28

testata28

testata20

testata20

testata26

testata26

testata29

testata29

testata31

testata31

testata21

testata21

Mese dell’educazione 2017

Cos’è il Mese dell’educazione? È un mese speciale, il mese di marzo, dedicato ai temi dell’educazione, con il coinvolgimento di tante persone interessate. L’iniziativa è arrivata alla dodicesima edizione, con una storia piuttosto variegata.

Il Mese dell’educazione vuole essere un segno di attenzione verso tutti coloro che sono impegnati nel delicato, complesso, appassionante servizio dell’educazione nei confronti delle nuove generazioni, a cominciare dai genitori. Destinatari e protagonisti della manifestazione, con forme significative di partecipazione nella programmazione e nella realizzazione, sono coloro che, a vario titolo, si occupano di educazione delle giovani generazioni, persone impegnate sul campo, con provenienze e appartenenze molteplici: insegnanti in primo luogo, animatori-educatori, operatori pastorali-catechisti, studenti universitari. L’iniziativa si propone di consolidare relazioni tra soggetti, associazioni e istituzioni che operano in campo scolastico e educativo.
Le proposte di questi anni sono state molto varie, con momenti vivaci e coinvolgenti: incontri, tavole rotonde, spettacoli, laboratori, testimonianze, mostre, viaggi.

 

 

COLLABORAZIONI
Parrocchie della Forania di Portogruaro
Pastorale familiare diocesana
Ufficio Diocesano Arte Sacra e Beni Culturali
Centro diocesano di pastorale adolescenti e giovani
Coordinamento insegnanti di religione del Portogruarese
Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Trieste
Fondazione Portogruaro Campus
Associazione Amici del Collegio Marconi
Associazione Italiana Maestri Cattolici
Centro culturale “H. Urs von Balthasar
Pedalando s’impara – IPSIA “D’Alessi” Portogruaro

 PATROCINIO DEL COMUNE DI PORTOGRUARO

 

BROCHURE MESE DELL’EDUCAZIONE
BROCHURE LIBRI IN FIORE

 

 

Se tutti questi gentili e rispettabili ospiti volessero, anche soltanto per un istante, diventare sinceri e ingenui, in che cosa si trasformerebbe d’un colpo questa sala afosa? Che accadrebbe se ciascuno di loro a un tratto venisse a sapere quanta lealtà, onestà, quanta sincera e cordiale allegria, quanta purezza, quanti sentimenti generosi, quante buone intenzioni ed intelligenza, quanto spirito del più fi ne, del più comunicativo c’è in ognuno, proprio in ognuno di loro. Sì signori, tutto questo c’è in tutti voi, ben chiuso in ciascuno e nessuno, nessuno ne sa nulla […]. Voi non credete di essere tanto belli? E io vi dico sulla mia parola d’onore che né in Shakespeare, né in Schiller, né in Omero, se si mettessero tutti insieme, si potrebbe trovare nulla di tanto delizioso come qui, in questo momento, si potrebbe trovare tra voi, in questa sala da ballo […]. Ma la vostra disgrazia è che voi stessi ignorate quanto siete belli. Non sapete che ognuno di voi se lo volesse potrebbe rendere felici tutti in questa sala e trascinare tutti con sé e questo potere esiste in ognuno
di voi, ma così profondamente nascosto che già da molto tempo ha cominciato a sembrare inverosimile.

Diario di uno scrittore di F.M. Dostoevskij

 

Appuntamenti
  • 7 ottobre 2018Festa del Marconi
AEC v1.0.4
Eventi
Insieme si può…

 

  Sostieni il Marconi  

Ragazzi del Marconi